Area Abbonati
LoginPassword
DOI 10.1725/2837.28644 Scarica il PDF (505,1 kb)
AreaPed 2017;18(4):171



La bronchiolite

Le istruzioni per i genitori sulla bronchiolite
a cura della Società Italiana di Pediatria e della Società
Italiana di Medicina Emergenza Urgenza Pediatrica,
nell’ambito del percorso diagnostico-terapeutico-
assistenziale sulla gestione del bambino con bronchiolite
nei pronto soccorso e nei reparti pediatrici
degli ospedali piemontesi.

Cosa dovete sapere se il vostro bambino ha la bronchiolite

COS’È LA BRONCHIOLITE?

La bronchiolite colpisce i bimbi più piccoli, soprattutto quelli di pochi mesi.

La bronchiolite è causata da alcuni tipi di virus, alcuni molto diffusi e poco pericolosi per i grandi. Spesso i genitori o i fratellini hanno solo il raffreddore, ma nei bimbi più piccoli si può sviluppare bronchiolite.

I sintomi della bronchiolite sono la tosse, a volte la febbre, e nei casi più gravi la difficoltà a respirare. Spesso vedrete anche che il vostro bambino mangia meno del solito.

COME SI CURA?

Non ci sono cure specifiche per la bronchiolite!

Per aiutare il vostro bambino a respirare meglio vi consigliamo di:

lavare il naso con la soluzione fisiologica o ipertonica

eseguire degli aereosol con la soluzione fisiologica o ipertonica

offrire pasti più piccoli del solito e più frequenti.

QUANDO DEVE ESSERE RICOVERATO IL BAMBINO?

Quando il bambino ha difficoltà a respirare e quando non riesce a mangiare a sufficienza.

Il ricovero in ospedale può servire a somministrare ossigeno e/o liquidi con una flebo o un sondino.

Queste terapie sono dette “di supporto” perché non ci sono cure specifiche per la bronchiolite!

In ospedale aiuteremo solo il vostro bambino a respirare e nutrirsi meglio per superare la malattia.

COSA DOVETE CONTROLLARE A CASA?

La cosa più importante è controllare come il bambino respira: osservate se respira in modo molto veloce e se sono presenti dei “rientramenti” sotto il torace. Il pediatra durante la visita vi spiegherà come fare.

Osservate anche il comportamento del vostro bimbo: è normale che sia meno vivace del solito, ma in caso di dubbio contattate il pediatra.

Cercate di capire quanto mangia il vostro bambino. Se il bambino è allattato al seno può essere utile controllare il peso al mattino per verificare che non cali. A volte può servire tirare il latte della mamma e proporlo con il biberon, per affaticare meno il bambino durante il pasto.

Come potete difendere il vostro bambino dalla bronchiolite

COME SI DIFFONDE IL VIRUS DELLA BRONCHIOLITE?

Il virus che causa più frequentemente la bronchiolite si chiama virus respiratorio sinciziale. Questo virus si diffonde facilmente da persona a persona. Quando una persona affetta dal virus tossisce o starnutisce, rilascia in aria delle minuscole particelle che contengono il virus. Se queste particelle vengono respirate o si depositano sulla bocca o gli occhi si può essere contagiati. La stessa cosa accade se si toccano oggetti sui quali si sono deposte queste particelle e poi ci si tocca la bocca o il naso o gli occhi.

COME POTETE EVITARE CHE IL VOSTRO BAMBINO PRENDA LA BRONCHIOLITE?

Lavatevi le mani prima di toccare o prendere in braccio il bambino e chiedete agli altri di fare lo stesso.

Non toccatevi gli occhi, la bocca o il naso mentre accudite il bambino.

Chiedete a chi starnutisce o ha la tosse di non avvicinarsi al bambino, di mettersi le mani davanti alla bocca e di lavarsi frequentemente le mani.

Pulite le superfici potenzialmente contaminate (seggiolone, giocattoli, maniglie delle porte).

Non esponete il vostro bambino al fumo passivo

Il Pensiero Scientifico Editore
Riproduzione e diritti riservati  |